Plastici Ferroviari & Tracciati



Home Plastico Minitrix a Forma di L in scala-N

Un bel plastico Tedesco con binari Minitrix che ha una linea principale a doppio binario insiema ad una piccola diramazione, realizza molte possibilità di gioco.

Galleria


Scala & Taglia
Scala: N (1/160)
Taglia: Piccola
Dimen­sioni: 260cm x 130cm; 102" x 51"; 8.5′ x 4.3′
Area Reale: 2.11m2; 2.31yd2
 
Tempo & Tema
Epoca/Era: III / Transizione, Moderna
Tema: Immaginario
Località: Europa, Germania
Scenario: Paese/Villaggio, Collinare
 
Binari & Itinerario
Binari: Trix N Minitrix
Tipo: Complesso (sezione chiusa con parti aperte), Modulare
Linea: Mista (Singola + Doppia), con Stazione(i) ​di Incrocio, con Stazione Nas­costa(e)
Raggio Min.: 195mm; 7.7" (R1)
Grado Max.: 2.7 %
Angoli al cuore: 24°; 15°
 
Caratteristiche & Controlli
Traffico: Passeggeri, Merci, Manovre
Alimenta­zione: DC o DCC
 


Descrizione

L’idea di base era quella di creare un plastico interessante ed in qualche misura aderente alla realtà, utilizzando un gruppo di binari Minitrix esistenti. Il plastico sarà decorato in epoca III, rappresenta una nuova linea a doppio binario (che in realtà è un lungo percorso, singolo-binario con stazione nascosta al di sotto del livello zero) e una diramazione con due stazioni di testa su entrambe le estremità.

La linea principale viene utilizzata per la passerella di treni espressi, a vapore o diesel in transito attraverso la valle est-ovest; non ci sarà nessun treno che ferma qui, perché la costruzione accurata di una banchina di stazione richiede troppo spazio. Con l’utilizzo della stazione nascosta, fino a 4-6 treni potranno essere gestiti anche sulla linea principale.

La linea di diramazione collega due stazioni ferroviarie di testa alle estremità est ed ovest, attraversando la stazione centrale. Tutte e tre le stazioni sono in grado di gestire contemporaneamente due treni, le due stazioni di testa possono essere usate anche per il cambio della locomotiva o per l’inversione della locomotiva dal retro alla testa. Utilizzando alcune sofisticazioni elettriche, o la guida digitale, fino a cinque treni (corti) possono essere gestiti nella linea di diramazione.

Per facilitarne il trasporto e lo stoccaggio, il plastico è realizzato in due parti di 130 x 65 cm (circa 51 x 25.5 inches) e una parte di 65 x 65 cm (circa 25.5 x 25.5 inches) senza deviatoi, edifici ecc. sui bordi.

La Linea Principale

La linea principale è – per la parte visibile – un semplice percorso ovale a doppio binario con ampio raggio che rappresenta una moderna linea veloce. Passa attraverso l’intera valle, proviene e va in galleria su entrambe le estremità. Infatti, sotto la superficie ci sono cappi di ritorno ad entrambe le estremità. Al confine ovest, è abbastanza semplice (con due deviatoi per attivare moduli aggiuntivi in un lontano futuro). Al confine est, conduce ad una stazione nascosta con quattro binari di sosta. Possono esserci conservati fino a cinque treni (più uno o anche due in funzionamento sopra) per evitare di avere sempre lo stesso treno visibile. Usando sensori IR o binary sensore e qualche semplice elettronica, I treni possono essere cambiati anche automaticamente attraverso i binari di parcheggio. La linea principale dovrebbe essere abbastanza lunga per, far partire il treno successivo, quando il precedente lascia il tunnel del cappio ovest senza creare incidenti.

La linea di diramazione

La diramazione a singolo-binario utilizza un sacco di binari di raggio 1 e quindi non è adatta a carrozze lunghe – che comunque non hanno molto senso su di un binario secondario.

La linea connette le due stazioni “montane” con la stazione intermedia della valle; l’orientale ha un piazzale di servizio aggiuntivo con piattaforma girevole (Fleischmann, materiale già esistente) per locomotive a vapore e diesel.

A causa delle stazioni di testa, non ci saranno molte operazioni automatiche: ogni treno dovrà andare da una stazione fino alla stazione intermedia, probabilmente in attesa di un altro proveniente dall’altra parte, poi risalirà alla stazione di arrivo. Lì, la locomotiva dovrà essere scollegata e andare all’altra estremità del treno per tornare indietro. Così un sacco di divertimento è previsto con la manovra avanti e indietro. E’ anche possibile (e consigliato) usare un controller differente per ogni stazione, così una persona può gestire la stazione occidentale, un altro la stazione orientale, essendo responsabili dei treni in arrivo, della manovre delle locomotive, ecc. Entrambe le stazioni sono pronte a gestire sia treni passeggeri che merci. La stazione occidentale può essere collegata ad un modulo futuro, cambiando la stazione di testa in una stazione intermedia, così sia la linea principale (nascosta) che quella secondaria (sopra) possono continuare su moduli aggiuntivi. Così potrebbero esserci due tracciati, in modo che l’attuale stazione orientale sarebbe la fine di un’altra linea doppio binario che conduce nell’attuale linea secondaria a singolo binario.

Le opzioni

Il Plastico può essere cambiato facilmente con alcune piccole modifiche per differenti scenari:

a) Utilizzando la linea diramata come a scartamento piccolo (ridotto), che rappresenta una qualche ferrovia industriale (es. trasposto merci), e la stazione intermedia diventa il sito di trasferimento tra lo scartamento ridotto e la linea principale.

b) Utilizzando la linea diramata come una ferrovia mineraria, non scende al livello della linea principale, ma rimanendo sopra scarica il carbone o il minerale dalle miniere delle due estremità, giù in carri da trasporto sulla linea principale.

c) Ampliando il plastico (se si dispone di abbastanza spazio), costruendo il modulo centrale più ampio per avere una stazione centrale full-optional con banchine, zona di carico con scalo merci, deposito, ecc.

Descritto da Andreas

Download
File:    
Progetto: Plastico   
Autore: Andreas   
Software: SCARM
Inviato il: 27.10.2013
Visualizzazioni: 20966
 
Votate per questo progetto
  5 stelle  (Eccellente)
  4 stelle  (Molto buono)
  3 stelle  (Buono)
  2 stelle  (Mediocre)
  1 stella  (Scadente)
 


◄ Indietro |  ▲  |

(C) 2013-2019 by Milen Peev. Tutti i diritti riservati.
Use at your own risk according to our Terms of Use and Privacy Policy.
Traduzione italiana di Fabio Cuccia.